UN PEU D’ A F F E C T I O N opere di Luca Sclafani

1 febbraio 2017 - 19 febbraio 2017 - 19:00
UN PEU D’ A F F E C T I O N opere di Luca Sclafani

La rivelazione di un’immagine è cosa assai diversa dalla sua costruzione formale. Per ottenere un’immagine l’azione e l’intenzione possono ridursi al minimo. Ad esse possono subentrare una stasi, una sospensione delle azioni, del tempo e perfino dei pensieri. Basta poco. Si può solo attendere in solitudine. E allora può accadere che quest’attesa ci ripaghi con l’epifania di un reale dell’arte talmente evidente da contaminare col suo apparire la scena degli umani. Il termine “A f f e c t i o n” si riferisce a quel poco di affetto che chi “batte” e “aspetta” ricerca, ed evoca pure le “affezioni” che possono colpire chi si dedica a certi incontri occasionali. “A f f e c t i o n” richiama inoltre i “contagi”, anch’essi occasionali, tra le immagini dell’arte e del Mito – qui rappresentate come veli – e lo sfondo della scena reale nella quale l’osceno (fuori-dalla-scena) appare e deborda.

 

 

Luca Sclafani è nato ad Agrigento nel 1969.
Personali e collettive: (Monastero di Santo Spirito, Agrigento; Fabbriche Chiaramontane, Ag; Centro Culturale Pasolini; Teatro Garibaldi Aperto, Palermo; Spazio Espositivo F.Siracusa). Dal 2010, oltre alla produzione pittorica, realizza diverse serie di collages (L’Invenzione di Venezia; Per “Comu s’an fuss; Un peu d’affection). Parallelamente all’attività artistica scrive testi sull’arte e cura la collettiva Quarantagradi (R.Bruno, A.Leto, L.Reina, Bruccoleri, Tedesco). Dal 2014 collabora ad alcune interviste ad altri artisti (Viola, Pinelli, etc.) per lo Spazio Espositivo F.Siracusa.