“Una one-man-band italiana che si rifà a paesaggi sonori nordeuropei, freddi, dipingendo tele letterarie e filosofiche che non raccontano la storia un uomo soltanto, ma l’esistenza di tutti.”
[Loudvision]

“Un viaggio complesso, ma meraviglioso ed intenso.”
[OndaAlternativa]

“Elettronica, manipolazioni, grazia e poesia senza peso sono l’insieme dello stupore che è diramato da questo lavoro, dove tutto è buio e dove tutto si muove in un’irrefrenabile rallenty.”
[Shiverzine]

….. solo alcune brevi descrizioni del progetto sonoro targato Noisekraft, nome d’arte del veneziano Marco Cella, che dal 2011 si destreggia nella creazione di veri ‘paesaggi sonori’ a metà fra elettronica, post-rock e ambient.