“Danlenuar” è una storia d’amore sullo sfondo della tragedia avvenuta nell’ agosto del 1956 nella miniera di carbone Bois du Cazier di Marcinelle (Belgio), nella quale persero la vita centinaia di minatori, fra i quali 136 italiani. Un monologo dello stesso Guarneri (che è anche regista e interprete in questa versione) vincitore del Premio Enrico Maria Salerno per la Drammaturgia 2008.
INGRESSO LIBERO

Giacomo Guarneri si forma frequentando la scuola Teatés diretta da Michele Perriera e la scuola di specializzazione in Opera dei Pupi e Cunto diretta da Mimmo Cuticchio e Guido Di Palma. Lavora con Davide Enia (Malangelità, 2001) ed Emma Dante (Vita mia, 2003/2010) e frequenta i laboratori di Ascanio Celestini, Laura Curino, Dario Fo, Vincenzo Pirrotta. Si laurea in Lettere Moderne a Palermo con una tesi dal titolo ” La performance del racconto: appunti per un teatro dell’immaginazione”.
Esordisce come autore nel 2007 con Danlenuàr (Premio Enrico Maria Salerno per la Drammaturgia 2008). Dopo Radio Belìce non trasmette (Premio Etica in atto 2013), Seră biserică conclude un trittico dedicato al tema del lavoro.